Eiaculazione Precoce

Per eiaculazione precoce si intende l’incapacità del paziente a ritardare l’eiaculazione, che avviene di solito entro 1 o 3 minuti dall’inizio del rapporto.

Si tratta di una malattia largamente sottostimata in quanto, i pazienti, hanno spesso imbarazzo a parlarne con il proprio curante. Tuttavia si pensa che possa interessare circa il 25% della popolazione maschile.

Cause

L’eiaculazione precoce si distingue in primaria o secondaria.

Viene definita primaria quando il problema è presente fin dalle prime esperienze sessuali e quindi per tutta la vita del paziente.

In questo caso, l’eiaculazione precoce è una caratteristica propria del paziente, che presenta da sempre una soglia di raggiungimento dell’orgasmo più bassa rispetto al normale.

L’eiaculazione precoce secondaria è invece dovuta alla presenza di una condizione organica che può esserne la causa.

Tra queste vi sono alterazioni anatomiche come il frenulo corto e la fimosi o infezioni come le prostatiti oppure patologie ormonali come l’ipo o ipertiroidismo.

Diagnosi

La diagnosi di eiaculazione precoce necessita di una visita andrologica durante la quale verrà esaminata la storia del paziente e verranno escluse le possibili cause.

In base ai casi potrà essere necessario eseguire degli esami del sangue e delle urine o dello sperma.

Trattamento

La terapia dell’eiaculazione precoce si basa sia sull’utilizzo di farmaci che su tecniche comportamentali.

Il paziente verrà educato ad esercitarsi a ritardare il più possibile l’eiaculazione durante i rapporti.

Per fare questo, potrà aiutarsi con dei farmaci che ritardano l’eiaculazione. Tra questi vi sono farmaci per bocca o spray da applicare sul pene, che sono in grado di allungare i tempi per il raggiungimento dell’eiaculazione.

Nei casi in cui l’eiaculazione precoce fosse causata da fimosi o frenulo corto potrà essere indicato un intervento chirurgico.

Al pari, in caso di infezione o prostatite, sarà necessaria una terapia antibiotica o anti-infiammatoria.

Indice dei contenuti

Prenota un consulto

Protesi Peniene

Quando le classiche terapie per trattare l'impotenza o il pene curvo non danno i risultati sperati, la protesi peniena è la soluzione ideale e definitiva per tornare ad avere una vita sessuale soddisfacente. La via chirurgica è l'ultima strada da seguire in caso di insuccesso delle precedenti terapie.

Protesi Idrauliche

Protesi costituita da due cilindri gonfiabili collegati ad una piccola pompa di attivazione e ad un piccolo serbatoio in grado di permettere l'erezione. Al termine del rapporto, il paziente può procedere allo sgonfiamento della protesi mediante un semplice “click” sulla pompa di attivazione.

Protesi Semirigide

La protesi peniena semirigida è costituita da due cilindri di materiale semirigido che vengono collocati all'interno del pene. La presenza dei cilindri rende il pene sempre rigido consentendo al paziente di poter avere un normale rapporto sessuale penetrativo ogni volta che lo desidera.

Dove visitiamo

Attualmente la Clinica Andrologica Urologica del progetto Uomo360 è ospitata in due importanti ed eleganti strutture lombarde. Le visite mediche vengono svolte infatti allo Studio Duam di Via Fontana n.2 a Milano oppure presso la Clinica Iseni di via Fabio Filzi 1 a Lonate Pozzolo.

Studio Duam

L’Ambulatorio nasce con l’intento di fare una corretta diagnosi clinica e strumentale delle patologie dell’apparato urinario maschile e femminile e delle patologie dell’apparato genitale maschile.

Centro Iseni

La Salute del Cittadino è l’obiettivo primario dell’attività di ogni operatore degli Istituti di Ricovero e Cura – Gruppo Iseni Sanità, Casa di Cura Privata a indirizzo diagnostico e chirurgico a Lonate Pozzolo

Dove operiamo

Clinica Iseni Lonate Pozzolo

Richiedi un consulto