Cerca

Leucospermia

leucospermia

Indice dei contenuti

La leucospermia provoca una massiccia presenza di globuli bianchi all’interno del liquido seminale.

Normalmente, lo sperma contiene un numero basso di leucociti, o globuli bianchi appunto. Ma quando tale numero diviene eccessivo, allora potrebbe essere un sintomo di malattie che finiscono per irritare e infiammare il sistema riproduttivo maschile (la prostata, il dotto deferente, i testicoli e l’epididimo).

Purtroppo, la leucosperma potrebbe compromettere la fertilità del paziente. Infatti, il più delle volte, le infezioni presenti nella zona intima finiscono per danneggiare l’integrità e la salute degli spermatozoi.

Per evitare questo problema, ti consigliamo di mantenere uno stile di vita sano, compreso di dieta bilanciata ed esercizio fisico regolare.

Cause della leucospermia

Le cause più comuni di leucospermia sono le infezioni batteriche (clamidia, gonorrea e HIV) e infiammazioni (prostatite e epididimite).

In alternativa, alcune condizioni mediche, come la fibrosi cistiche e alcune delle malattie autoimmuni, possono aumentare il rischio di contrarre la malattia.

Sintomi della leucospermia

La leucospermia è di per sé asintomatica. Tuttavia, il più delle volte, è la condizione sottostante a lanciare segnali della presenza della malattia quali:

  • Difficoltà a urinare
  • Sangue nello sperma
  • Dolore ai testicoli o allo scroto
  • Male ai lombi
  • Febbre
  • Disfunzione erettile
  • Fertilità ridotta

Come riconoscere un caso di globuli bianchi nello sperma

Se noti che hai almeno uno di questi sintomi, consulta il prima possibile il tuo Medico di Fiducia, per ottenere una diagnosi e confermare la presenza della leucospermia.

leucospermia graveNello specifico, i test di diagnosi del Dottore si concentreranno su:

  • sperma: un esame microscopico del seme per cercare il numero e il tipo di globuli bianchi presenti
  • urine: aiuta a escludere un’infezione del tratto urinario come causa dei globuli bianchi nello sperma
  • sangue: permette di identificare qualsiasi condizione medica sottostante legata alla leucospermia

In alcuni casi, invece, gli esami di imaging, come un’ecografia, possono aiutare a cercare anomalie direttamente nel tratto riproduttivo maschile.

Trattamento della leucospermia

Normalmente, il trattamento per curare la leucospermia non è unico, ma dipende da ciò che provoca la malattia.

Ad esempio, se la causa è un’infezione, verranno prescritti alcuni antibiotici. Al contrario, quando c’è un’infiammazione, possono essere utili altri tipi di farmaci, come quelli anti-infiammatori.

Nel caso in cui, invece, il numero di globuli bianchi non sia così elevato e non ci sono sintomi gravi, allora non è necessaria alcuna terapia farmacologica.

Complicazioni in seguito ai globuli bianchi nel liquido seminale

Quando invece soffri di una forma di leucospermia grave e non la curi, allora potresti incorrere in gravi complicazioni. Ad esempio:

  • Malattia infiammatoria pelvica (PID) nelle donne
  • Prostatite
  • Epididimite
  • Infertilità

Prevenzione della leucospermia

Potresti provare a prevenire la comparsa della leucospermia, ma la verità è che non esiste un modo garantito per farlo.

Uno dei consigli più popolari è quello di praticare del sesso protetto, perché aiuta a ridurre il rischio di infezioni. Perciò è importante fare uso di preservativi e altri metodi contraccettivi quando di praticano attività sessuali.

In alternativa, puoi provare anche a:

Prof. Gabriele Antonini ritratto
Prof. Gabriele Antonini

Il Prof. Gabriele Antonini è Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1998 presso l’Università di Roma “La Sapienza” Specializzato in Urologia nel 2005 presso l’Università di Roma “La Sapienza” e in Andrologia presso l’Università degli studi di Padova.